Pubblicato da: iprovinciali | 6 dicembre 06

Il forum regionale dei gggiovani

Sono quelli politicamenteimpegnati o socialmenteimpegnati.

E perché ci sono le bottiglie vuote a terra in sala?

Li riconosci da come vestono: quella tipa con i jeans attillati infilati negli stivali neri con tacco 12 centimetri, la giacchina corta e avvitata, la borsa della Pucca e persino il portafogli a fiori; poi quello con i pantaloni verdone militare lisi, la tracolla verdone militare, la sciarpa palestinese, le treccine; poi i ragazzi hanno tutti la barbetta e i capelli oleosi anni 70. Poi stanno tutti lì a discutere del ragazzo che non le chiama gnè gnè, del padre che rompe, della mamma che li copre…

Non è vero: parlano di politica

Parlano della Regione che deve finanziare il progetto. Dicono “Stai qui e ti crei i contatti”

Ma chi? quelli col pulloverino bluberlusconi?

no, anche quelli col vestitino di velluto moquettato. E poi non sapevo che al forum dei giovani della gioventù si potesse dire impunemente giovani, ggiovani, gggiovani, ggggiovani tante volte di seguito

Ma dài

Ma sì. E io dico: tra dieci anni avrete il vostro posto in banca, al catasto, al comune, alla regione. Avrete figli, mutuo, macchina… Ma chi v’ o fà ffà?! almeno lavatevi. Oggi ho desiderato avere dieci anni di più. Il primo che mi dice che a 33 anni sono ancora giovane, ban immediato.

Annunci

Responses

  1. ora hanno spazio che non sanno usare …avessi avuto io da giovane gli strumenti di oggi !

  2. la tentazione è troppo forte:

    Noi siamo i giovani con i blue jeans
    noi siamo i giovani sì sì sì sì
    noi balliamo il rock’n’roll noi balliamo il twist
    e non vogliamo andare in guerra

    Noi siamo i giovani con i blue jeans
    tutti belli stracciati perche’ portiamo sempre quelli
    E li porterem per sempre e puzzeranno un po’
    ma noi non ci preoccuperemo perche’ noi vogliam la liberta’
    e siamo preoccupati dalle guerre non dai nostri jeans
    noi portiamo sempre quelli e sono quasi come un segno
    per condannare i matusa che han rovinato questo mondo
    che ci era stato dato da Dio

    Noi siamo i giovani con i blue jeans
    tutti belli stretti pero’ larghi in fondo
    cosi’ possiamo sburrare e ci viene l’orchite
    e non possiamo far l’amore

    E noi vogliam la liberta’ aahhh
    Si’ noi vogliam la liberta’ per l’umanita’ non solo per noi stessi
    ma anche per gli altri noi vogliamo molta pace pace pace pace pace pace pace
    pa non vogliamo piu’ la guerra vogliamo fare i nostri comodi si si si si forza
    dai ragazzi dai unitevi a noi
    l’uomo nasce libero e senza molte pretese
    lui vuol solo far l’amore
    basta pero’ che sia per ore ore

    Noi vogliam la liberta’ e ve l’abbiamo detto sempre
    In coro sempre noi canteremo la nostra gioventu’

    noi siamo i giovani (con i blue jeans)
    elio e le storie tese

  3. Maynardo, il problema non sono i jeans, ma quello che sta una sessantina di centimetri più su della cintola.
    Presi singolarmente sti cacchio di gggiovani saranno pure simpatici, intelligenti… ma messi assieme sono veramente deprimenti. Io voglio essere chiamata nonna. 🙂

  4. Ciao Gabriella,
    giusto perchè oggi è una giornata storta e sto’ vagando disperatamente per blog in cerca di rogne…
    volevo che tu ponderassi sul fatto che…….
    a 33 anni sei ancora gggiovane.
    😉

  5. Bleek… infante!!!
    😛

  6. Gabriè te l’avevo detto io! A 31 sono decrepita! Tu a 33… lasciamo perdere! 😛
    A volte mi sembra di averne 93 di anni! Soprattutto quando vedo i ggiovani! E avendone una in casa tutti i giorni sono uguali!

  7. Lasciamo perdere,
    io ne ho 36 e faccio le giravolte di gioia quando le cassiere dei supermercati mi dicono ancora “ciao” al posto di “buongiorno”

  8. Io ne ho qualcuno in più, e quando le cassiere dei supermercati mi danno del tu mi fanno girare le palle a mille. Soprattutto se sono racchie…

  9. capisco, ma tu non vai in giro vestito, nonche’ convinto di essere Peter Pan…. come me.

  10. E che devo dire io, a 39? E comunque la penso proprio come Gabriella…
    crefab

  11. vecia!!!;-)

  12. ok. qui il più vecchio sono io, che ne ho 27…

  13. Come ti ho già detto se ti degnassi di salire ti porterei nello stesso locale in cui siamo stati con tuo fratello…
    Solo un saluto: ci si ribecca lunedì di ritorno dalle nevi di Cortina!

  14. piccola giovanissima gabian, e so quel che dico e so di poterlo dire e so che nessuno più di me può dirlo, chi è la pucca?

  15. Ok, se tu sei la Nonna, io faccio la Bis. ;-*

  16. Tante volte si trascorrono serate senza riflettere, nella più totale anarchia cerebrale, sono quelle serate che la mattina dopo, al risveglio, ti sembra di ritornare in vita dopo lunghi anni ibernato. Altre volte le serate si incentrano su lunghi e complessi ragionamenti con interlocutori vogliosi di complessità, e che alla mattina ti svegli con la sensazione di aver studiato il codice civile tutta la notte.
    La serata di ieri invece rappresenta quel raro caso in cui gli eventi si susseguono mossi da una sorta di incantesimo medioevale, una di quelle serate cui vale la pena narrarne i tratti più essenziali.
    Sarà stato l’effetto del THC, oppure l’inebriante voce di Logorroman, che improvvisamente ho cominciato a riflettere sull’esistenza del Rosso (o’russ), sulla fortuna che ho avuto ad averlo conosciuto, sulla logica contorta che si cela dietro il connubio dei nostri cervelli, tanto che ad un certo punto mi sono rivolto al Barra dicendogli che se non ci fosse stato l’avremmo dovuto cercare, oppure, al limite l’avremmo dovuto inventare. Al contrario di come si possa pensare, vista la sua avversione a lasciare le mura domestiche per qualche ora con gli amici, egli è pieno di vita, trabocca di fluido vitale da tutti i pori, prima o poi sfonderà.
    Si rideva di gusto su ogni situazione, su ogni piccolo teatrino regalatoci da Luis Bateman e da Giosue il giovane damerino bianco. Il Barra, Maury ed io sembravamo il gatto la volpe e la faina, sempre pronti a sottolineare ogni magia, sempre pronti a farcire un’ estatica sigaretta, lesti a svuotare ogni semivuoto boccale di birra lasciato in solitudine lì sul tavolo. In un momento di confusione generale, addirittura mi è sembrato che il vecchio Harry Morgan, con il suo braccio offeso, ed i capelli bianchi buttati dietro, sedesse vicino a me sorseggiando rum…
    Giunti al momento in cui tutte le barriere inibitorie sono andate giù come massi nell’oceano, quand’anche le battute di Lucia ti hanno fatto sbellicare, praticamente quando tutte le unità logiche sono andate a farsi una sega, ecco che un evento logico-mistico si abbatte sulla comitiva tutta.
    Alla consegna del conto, si dibatteva su quanto sarebbe spettato pagare ad ognuno di noi. 99 euro da dividere per 12 goliardiche persone, un calcolo accessibile a tutti se operato con opportuni dispositivi elettronici, per poche persone se effettuato mediante carta e penna, impensabile da eseguire mentalmente tranne che per un singolare nonchè forastico personaggio,Vito, il quale in pochi secondi, rivolgendo lo sguardo nel vuoto sovrastante le nostre menti, dice :>. Bestiale!!!
    Prendo la calcolatrice, faccio rapidamente il calcolo… 8,2… non credo ai miei occhi, in quel momento il primo pensiero che mi viene in mente è di correre verso un maneggio per farmi sellare e installare gli zoccoli allo scopo di fare il somaro per tutta la vita, un somaro depresso perchè nato troppo tardi e non ha potuto riscaldare la testolina di Cristo in fasce con il suo alito greve.
    Dopo questa bomba mistico-matematica ho preferito bere un caffè caldo ed andare a dormire con la speranza un giorno di poter incontrare Giuseppe Zwirner…

  17. beh… vaffanculo al mercato globale che tanto ci tiene a strozzare lo stato sociale…

  18. Enzo, il primo commento non è molto chiaro… potresti spiegarti meglio? ah, guarda che qui mica ci impressioniamo se ci regali altre 7… 8… 9… 10… cartelle di commento.
    Giarì, ma come? la pucca… fai un giro dalla profepuntoit 😉

  19. …tanto dopo tre righe smettiamo di leggere!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: